IT / EN

Le assaggiatrici

Rosella Postorino

Le assaggiatrici

Feltrinelli

Anno: 2018

Pagine: 285

Il mio corpo aveva assorbito il cibo del Führer, il cibo del Führer mi circolava nel sangue. Hitler era salvo. Io avevo di nuovo fame.


La prima volta in cui Rosa Sauer entra nella stanza in cui dovrà consumare i suoi prossimi pasti è affamata. “Da anni avevamo fame e paura,” dice. Siamo nell’autunno del 1943, a Gross-Partsch, un villaggio molto vicino alla Tana del Lupo, il nascondiglio di Hitler. Ha ventisei anni, Rosa, ed è arrivata da Berlino una settimana prima, ospite dei genitori di suo marito Gregor, che combatte sul fronte russo. Le SS posano sotto ai suoi occhi un piatto squisito: “mangiate” dicono, e la fame ha la meglio sulla paura, la paura stessa diventa fame. Dopo aver terminato il pasto, però, lei e le altre assaggiatrici devono restare per un’ora sotto osservazione in caserma, cavie di cui le SS studiano le reazioni per accertarsi che il cibo da servire a Hitler non sia avvelenato. Nell’ambiente chiuso di quella mensa forzata, sotto lo sguardo vigile dei loro carcerieri, fra le dieci giovani donne si allacciano, con lo scorrere dei mesi, alleanze, patti segreti e amicizie. Nel gruppo Rosa è subito la straniera, la “berlinese”: è difficile ottenere benevolenza, tuttavia lei si sorprende a cercarla, ad averne bisogno. Soprattutto con Elfriede, la ragazza più misteriosa e ostile, la più carismatica. Poi, nella primavera del ’44, in caserma arriva un nuovo comandante, Albert Ziegler. Severo e ingiusto, instaura sin dal primo giorno un clima di terrore, eppure – mentre su tutti, come una sorta di divinità che non compare mai, incombe il Führer – fra lui e Rosa si crea un legame speciale, inaudito.
Con una rara capacità di dare conto dell’ambiguità dell’animo umano, Rosella Postorino, ispirandosi alla storia vera di Margot Wölk (assaggiatrice di Hitler nella caserma di Krausendorf), racconta la vicenda eccezionale di una donna in trappola, fragile di fronte alla violenza della Storia, forte dei desideri della giovinezza. Proprio come lei, i lettori si trovano in bilico sul crinale della collusione con il Male, della colpa accidentale, protratta per l’istinto antieroico di sopravvivere. Di sentirsi, nonostante tutto, ancora vivi.


Prix Jean Monnet 2019.
Vincitrice del Premio Campiello 2018.
Finalista del Premio Letterario Lucio Mastronardi – Città di Vigevano 2018.

Finalista in the Premio Minerva 2018.
Premio Rapallo.
Premio Pozzale – Luigi Russo.
Premio Chianti.
Premio Wondy.
Libro dell’anno per i gruppi di lettura di FAHRENHEIT RADIO 3.


Rights sold:
Arab (The Arab Cultural Center)
Brazil (Planeta do Brazil)
Bulgaria (Colibri Publishers)
Croatia (Naklada Oceanmore)
Czech Republic (Mlada Frontá)
Estonia (Tanapaev Publishers)
Finland (Bazar Kustannus Oy)
France (Albin Michel)
Hungary (Libri Publishing)
Israel (Yedioth Books Miskal)
Japan (Oakla Publishing Co)
Korea (Moonye Publishing Co)
Lithuania (Publishing House Uab National)
Macedonia (Kultura Publishing House)
Netherlands (Xander Uitgevers)
Norway (Bazar Forlag)
Poland (Grupa Wydawnicza Foksa)
Portugal (Dom Quixote)
Romania (Trei)
Russia (Azbooka-Atticus)
Simplified Chinese (Beijing United Creation)
Serbia (Vulkan Publishing)
Slovenia (Hila knjig Zalozba)
Spain (Lumen y Alfaguara)
Thailand (Alibooks)
Turkey (Salon Yayinlari)
Film (Lumiere Films)

 

 

Io, mio padre e le formiche
Publisher: Salani Anno: 2022 Pagine: 99
Tutti giù per aria
Publisher: Salani Anno: 2019 Pagine: 144
La stanza di sopra
Publisher: Feltrinelli Anno: 2018 Pagine: 203
Il corpo docile
Publisher: Einaudi Anno: 2013 Pagine: 231
L’estate che perdemmo Dio
Publisher: Einaudi Anno: 2009 Pagine: 344

Bio dell'autore